Giuffrè Francis Lefebvre
08 giugno

Area Legale

Violazione della privacy: danni risarcibili

In tema di violazione della privacy, il diritto al risarcimento del danno si matura in caso di un’effettiva violazione che comporti una lesione ingiustificabile del diritto, e non in caso di mera violazione delle prescrizioni in materia di trattamento dei dati (art. 11 c. privacy).
Pertanto, non è risarcibile il dannoda spamming” consistente nell’aver ricevuto alcune email indesiderate, di contenuto pubblicitario, nell’arco di 3 anni, costituendo ciò, al massimo, un modesto disagio o un fastidio senz’altro tollerabile.

Per approfondimenti rinviamo a Memento Contratti d’Impresa 2017.

Cass. 8 febbraio 2017 n. 3311