Giuffrè Francis Lefebvre
28 giugno

Area Fiscale

Versamento saldo IVA posticipato: soluzione a dubbi operativi

Il differimento del termine di versamento del saldo delle imposte dirette IRPEF/IRES (in vigore dal 1° gennaio 2017), ha generato dubbi in merito alle corrette tempistiche e modalità di esecuzione nel caso di versamento posticipato del saldo IVA (scadenza 16 marzo).
L'AE ha in merito confermato che l'opzione per il versamento differito al 30 giugno:
- vale anche per i soggetti con periodo d'imposta non coincidente con l'anno solare (che hanno scadenze delle imposte dirette diverse);
- consente di compensare il debito IVA con i crediti derivanti dalla dichiarazione dei redditi, con applicazione della maggiorazione dello 0,4% al solo debito residuo;
- lascia aperta la possibilità di posticipare ulteriormente il versamento ai 30 giorni successivi (applicando alle somme dovute al 30 giugno, incluse le maggiorazioni applicate, un ulteriore 0,4%).

Per l’analisi dettagliata della disciplina sui pagamenti e le compensazioni delle imposte i rinvia al Memento Fiscale 2017.

 

Ris. AE 20 giugno 2017 n. 73/E