Giuffrè Francis Lefebvre
09 febbraio

Area Legale

Legale rappresentante di società di capitali e potere di querela

L’amministratore-legale rappresentante di una società di capitali può:

– sporgere querela in nome e per conto della società senza necessità che gli venga conferito apposito mandato;

– attribuire il potere di querela in nome e per conto della società ad un procuratore speciale.

 

Secondo la Cassazione, infatti, tale potere deve intendersi incluso tra le funzioni che la legge attribuisce automaticamente a chi riveste la funzione di legale rappresentante della società.

La sentenza si pone in contrasto con la precedente Cass. pen. 11 febbraio 2015 n. 6197 che aveva invece affermato la necessità per il rappresentante legale di munirsi di apposita procura ai fini dell’esercizio del potere di querela.

Per approfondimenti rinviamo a Memento Società Commerciali 2017.

 

Cass. pen. 25 gennaio 2017 n. 3794