Giuffrè Francis Lefebvre
29 giugno

Area Legale

Compenso dell'amministratore di società di capitali

Lo statuto di una società di capitali può prevedere che l'attività dell'amministratore sia svolta gratuitamente. In tal caso, l'amministratore non può pretendere alcun compenso per l'incarico svolto. 

 

È quanto affermato dalla Cassazione che ha ribadito che il diritto al compenso da parte dell'amministratore è un diritto disponibile. Ciò significa che, da un lato, l'amministratore può liberamente rinunciare al proprio compenso, dall'altro lo statuto può prevedere deroghe a tale diritto, ad esempio condizionando il pagamento del compenso al conseguimento di utili oppure stabilendo la completa gratuità dell'incarico.

 

Per approfondimenti rinviamo alla nuova edizione di Memento Società Commerciali 2018 in uscita il prossimo settembre.

 

Cass. 7 aprile 2017 n. 9094