09 maggio

Area Fiscale

Qualificazione del reddito da cessione di diritto di superficie

La cessione del diritto di superficie relativo a un terreno edificabile realizza plusvalenza tassabile come reddito diverso determinato come differenza fra corrispettivo percepito nel periodo e costo di acquisto del diritto. Stessa regola si applica nel caso di cessione di diritto costituito su un terreno agricolo posseduto da meno di 5 anni.
Se il terreno (edificabile o agricolo) era stato acquistato in piena proprietà, il costo di acquisto si determina in base al rapporto fra valore complessivo attuale del terreno e corrispettivo percepito per la costituzione del diritto di superficie, da applicare al costo originario di acquisto del terreno.
La prassi, che in precedenza aveva ritenuto che la cessione del diritto realizzasse reddito occasionale di lavoro autonomo (Circ. AE 19 dicembre 2013 n. 36/E), così si allinea all’interpretazione giurisprudenziale (Cass. 4 luglio 2014 n. 15333).

Per l'analisi dettagliata della disciplina relativa ai redditi diversi si rinvia al Memento Fiscale 2018.

Circ. AE 20 aprile 2018 n. 6/E