10 ottobre

Area Fiscale

Investimenti pubblicitari: nuovi chiarimenti riguardanti il credito d'imposta

Nella tabella seguente sono riepilogati i contenuti più rilevanti delle nuove risposte fornite dal Dipartimento per l'editoria e l'informazione alle domande relative al credito d'imposta per investimenti pubblicitari (http://informazioneeditoria.gov.it/it/notizie/faq-sul-credito-di-imposta-sugli-investimenti-pubblicitari-incrementali).

Argomento

Domanda

Risposta

Esercizio di imputazione delle spese pubblicitarie

Occorre rifarsi a:
- data emissione fattura?
- data pubblicazione della pubblicità?
- altro parametro?

Le spese si considerano sostenute, secondo il principio di competenza, alla data in cui le prestazioni sono ultimate (art. 109 c. 2 lett. b) DPR 917/86). Non ha rilievo quindi né il momento in cui viene emessa fattura, né il relativo pagamento

Modalità di pagamento delle fatture di acquisto degli spazi pubblicitari

Vale qualsiasi forma di pagamento?

I pagamenti posso essere effettuati con qualsiasi mezzo: bonifico, riba, compensazione di crediti, cambio merci, ecc.

Importo da considerare ai fini del credito

Rileva solo l'imponibile della fattura d'acquisto o l'ammontare pagato?

Se l'IVA è detraibile per l'acquirente, è rilevante l'ammontare delle spese, al netto; se è indetraibile, va considerato l'ammontare complessivo della spesa pubblicitaria, imponibile + IVA

Trattamento fiscale del  credito d'imposta

L'agevolazione è rilevante ai fini IRES/IRPEF e IRAP?

Il credito concorre alla formazione della base imponibile ai fini IRES/IRPEF e IRAP

 

Per l'analisi dettagliata dei più diffusi crediti d’imposta si rinvia al Memento Fiscale 2018 II edizione.

Risposte alle Faq AE pubblicate dal Dipartimento per l'editoria e l'informazione